Abbassate il volume! Nuovi standard di sicurezza per i dispositivi audio

Oltre 1 miliardo di giovani di età compresa tra i 12 e 35 anni rischia danni irreversibili all’udito: a dirlo è l’Organizzazione Mondiale della Sanità e la responsabile sarebbe l’esposizione prolungata ai suoni forti, musica compresa.

È per questo che l’OMS e l'International Telecommunication Union da alcuni mesi hanno introdotto nuovi standard internazionali per dotare tutti i dispositivi audio, smartphone inclusi, di caratteristiche che rendano l’ascolto più sicuro.

Questi standard includerebbero:

  1. La funzione Sound Allowance, ovvero un software che misura il livello e la durata dell’esposizione ai suoni.

  2. Un profilo di ascolto individuale che informi l’utente sulle sue abitudini di ascolto.

  3. Opzioni di limitazione del volume che dovrebbero comprendere la riduzione automatica del volume e un parental control.

  4. Informazioni generali su pratiche di ascolto sicure per tutti gli utenti.

L’Unione Europea nel frattempo si era già esposta sul problema, tanto da essere l’unica ad aver previsto un limite di decibel per i riproduttori audio fissato a uno standard di 85 decibel, con la possibilità di arrivare a un massimo di 100.

Una cosa è certa: è importante intervenire subito perché i casi di problemi all’udito, stando ai dati, sono destinati ad aumentare in modo preoccupante: già 466 milioni di persone in tutto il mondo hanno una perdita dell'udito debilitante, rispetto ai 360 milioni del 2010, e si prevede che il loro numero arriverà quasi a raddoppiare a 900 milioni (1 persona su 10) entro il 2050.


Quanto tempo è passato dal tuo ultimo esame audiometrico?

Trova il centro Udisens più vicino a casa tua e prenota un controllo gratuito dell’udito.

Pronto Dottore: il dott. Agostino Sperati ospite a Canale 21

In questo editoriale trasmesso su Canale 21, il dott. Agostino Sperati ci dà informazioni preziose sugli apparecchi acustici.

Buon ascolto!


Gli apparecchi acustici wireless

La storia di Udisens


Gli apparecchi acustici danno fastidio?

Lo screening audiometrico


L’importanza dell’assistenza continua

Amplificatori acustici: sì o no?


Iscriviti al nostro canale Youtube!


Prenota un controllo gratuito dell’udito

Trova il centro Udisens più vicino a casa tua e prenota subito il tuo appuntamento.

Perdita dell’udito: i diversi livelli di gravità

La perdita di udito può insorgere a ogni età e in diverse forme di gravità. Circa 466 milioni di persone al mondo soffrono di ipoacusia e quasi 1 persona su 3 soffre di perdita dell'udito , oltre i 65 anni. Un esame audiometrico è indispensabile per stabilire l’entità del danno all’udito, ma come viene classificata la perdita uditiva? Scopriamolo insieme.

livelli-perdita-uditiva.png

Tipi di ipoacusia: quali sono?

Innanzitutto possiamo distinguere 3 tipi di ipoacusia:

Ipoacusia trasmissiva

Il danno riguarda la parte esterna o media del nostro orecchio. Spesso è causata da un’ostruzione come un tappo di cerume o un’infezione dell’orecchio.

Ipoacusia neurosensoriale percettiva

Il danno è totalmente a carico delle cellule ciliate dell’orecchio interno. Si tratta di una delle più comuni perdite permanenti dell’udito e molte volte è causata dall’invecchiamento o da un trauma.

Ipoacusia mista

Si tratta di un tipo di perdita dell’udito causata dall’insorgere contemporaneo di un’ipoacusia trasmissiva e di un’ipoacusia neurosensoriale. In questo caso si verifica un danno sia nella parte meccanica sia nella parte nervosa dell'orecchio.

Fattori che determinano la perdita uditiva

La perdita dell’udito, a seconda dei casi, può essere influenzata dai seguenti fattori:

  • Età.

  • Rumore.

  • Ereditarietà.

  • Infezioni.

  • Farmaci, alcool, fumo.

Perdita uditiva: com’è classificata?

In base ai risultati ottenuti con un test audiometrico, l’ipoacusia viene classificata nei seguenti livelli:

udito-normale.png

Udito normale

0-20 db

La persona non presenta problemi di udito.

ipoacusia lieve copia.png

Ipoacusia lieve

21-40 db

La persona può avere qualche difficoltà a seguire un discorso, soprattutto in situazioni rumorose.

ipoacusia-media.png

Ipoacusia media

41-70 db

La persona può incontrare difficoltà ad affrontare una conversazione senza un apparecchio acustico.

ipoacusia-grave.png

Ipoacusia grave

71-90 db

In questo caso si parla di una sordità di entità importante per la quale è imprescindibile l’uso di un apparecchio acustico.

sordità-profonda.png

Sordità profonda

91-119 db

La persona è del tutto incapace di percepire i suoni e può trarre beneficio da un impianto cocleare.

Non aspettare che il tuo udito peggiori:
prenota un esame audiometrico.

Un test dell’udito ci aiuterà a definire l’entità del tuo danno uditivo e a indirizzarti verso la soluzione acustica più adatta a te. Non far peggiorare il tuo udito senza fare nulla: rivolgiti a un audioprotesista esperto.

Nuova apertura Udisens a Roma: 25% di sconto sugli apparecchi acustici!

Udisens ti aspetta nel suo nuovo centro di Roma, in via Francesco Saverio Nitti 1.

Presenta questa offerta:

Avrai diritto a uno sconto del 25% sugli apparecchi acustici con tecnologia Silver.

L’offerta è valida fino al 20 marzo 2019

Ti aspettiamo!

Hai bisogno di informazioni?

Chiamaci oppure scrivici un’email

num.verde.png
mail.png